La calcolosi urinaria, o litiasi urinaria, è una patologia caratterizzata dalla formazione di cristalli, di varia composizione chimica, nelle vie urinarie. La sintomatologia acuta causata dalla calcolosi è dovuta principalmente al tentativo di espulsione dei calcoli, mentre possono essere silenti anche per tutta la vita quelli che non si mobilizzano.

I sintomi sono caratterizzati da dolore acuto, tipico della colica renale, in zona lombare all’altezza dei reni che si irradia al fianco fino alla zona inguinale. Inoltre, può presentarsi con ematuria, nausea e vomito, sudorazione, pallore, tachicardia, febbre e brividi in caso di infezione.

Nel caso in cui il calcolo non si mobilizzi, può rimanere asintomatico, o presentarsi con un fastidio al fianco e talvolta dare microematuria.

Gli esami strumentali generalmente usati per confermare la diagnosi sono l’ecografia che permette di indagare reni e vescica ma non gli ureteri, e la TC che permette di localizzare precisamente il calcolo nell’apparato urinario.